Chiudersi a riccio per paura

Psiche Nessuno e Centomila

Una delle cose più difficili da riconoscere a se stessi è il proprio stato di infelicità. Si cede facilmente alla tentazione di imbavagliarlo, di nasconderlo dietro un sorriso di circostanza, di barattarlo con la prima distrazione a portata di mano. Lasciarlo libero di manifestarsi farebbe cadere ogni difesa e invece si preferisce preservare le corazze perchè non passano mai di moda e si abbinano a tutti i colori dell’umore.
E’ faticoso dirsi infelici perchè obbliga a cercare una soluzione e non sempre si ha tempo a disposizione o voglia di rassettare le stanze interiori. E poi quella faccenda tanto in voga del guardarsi dentro è un atto che implica molto coraggio, una buona Continua a leggere

A piedi scalzi

Psiche Nessuno e Centomila

Lo conobbi nel reparto di psichiatria. Era ricoverato da qualche giorno dopo l’ennesimo TSO ma l’ambiente gli era talmente familiare da sapere anche quanti secondi impiegasse il distributore del caffè a dare il resto. Mi chiese chi fossi visto che non sembravo una “collega” e aggiunse che tra matti usavano definirsi in quel modo. Li faceva sentire più solidali e meno soli. Mi vedeva girovagare in quei corridoi da giorni ormai ma non riusciva a capire a che titolo lo facessi visto che non indossavo né un pigiama, né un camice. “Qui non ci sono vie di mezzo: o sei medico o sei pazzo! Di ibridi ci sono solo i piselli scotti che ci servono a pranzo e i capelli dell’infermiera Maria che Continua a leggere

Non Mi Riconosco Più

13177867_1000147260033507_3869254278512518665_n.jpg

Capita che improvvisamente non ci si riconosca più. E il più delle volte non si conosce il perchè, né si riesce a individuare lo spartiacque tra il prima e il dopo. C’è chi ha smarrito solo un pezzettino di sé in un momento di particolare distrazione, chi si sente completamente a pezzi e ha bisogno di ricomporsi in una combinazione più soddisfacente e chi, con qualche chilo in più di insofferenza, ha bisogno di incasellarsi in una definizione su misura. Non tutti riescono a gestire questo tipo di vissuti. Qualcuno ne ha talmente tanto timore da sfuggirvi il più a lungo possibile prima di decidere di farvi i conti, prima di convincersi di dover spostare il focus di osservazione Continua a leggere

Non ho bisogno di etichette

No alla medicalizzazione della sofferenza psichica

Spero lei sia consapevole di quanto sia difficile sedere su questa sedia! Tra questi mobili in radica e queste tronfie librerie, non ci sono solo io. Ho portato con me le mie convinzioni errate, le mie delusioni cocenti, i miei momenti sbagliati e i miei giorni più belli. Mi chiedo se la seduta non sia troppo leggera per reggerne il peso. Mi chiedo anche se lei non sia già appesantito da una giornata faticosa per tollerare l’irruenza del fiume che mi scorre dentro. Continua a leggere

Quando la Clessidra si ferma

Psiche Nessuno e Centomila

Se è vero che il processo di elaborazione del lutto prevede delle specifiche fasi e che non è sempre possibile distinguerle nel loro manifestarsi perchè si sovrappongono, si mescolano, si confondono, è altrettanto vero che i tempi per fronteggiare il dolore del distacco sono fortemente influenzati da numerose variabili individuali. Accade spesso di osservare nella pratica clinica, anche moltissimo tempo dopo la morte di una persona cara, il riattivarsi di vissuti dolorosi legati a perdite non elaborate. Talvolta il dolore diviene talmente ingombrante che ci si risolve a chiedere aiuto ad un professionista. Accade quando ci si sente spiazzati, smarriti, confusi. C’è addirittura Continua a leggere

Zavorre Emotive. L’ Arte di Lasciare Andare

Zavorre emotive. L'arte di lasciare andare

Ci sono zavorre emotive che rallentano il cammino. Pesi insopportabili che rischiano di trascinare nel vuoto se non si è capaci di liberarsene. Hanno le forme più svariate: quella di un ricordo deformato, di una parole affilata come un fendente, di un’illusione a basso costo. Qualche volta assumono anche la forma di un dolore non maneggiato, perchè in fondo ci si innamora di ciò che ci è noto, di cui conosciamo i contorni, che ci risuona familiare. Ci si innamora di ciò che ci ha fatto compagnia in qualche tunnel buio e maleodorante della nostra esistenza, anche se si tratta di un desiderio claudicante o di un sogno incerto. Continua a leggere

Un Abito di Taglia Sbagliata

 

Sofferenza emotiva e somatizzazioni

Ognuno di noi ha fatto esperienza di “zone grigie”, ovvero di quei territori emotivi in cui, presto o tardi, ci si ritrova a fare i conti con le conseguenze dei propri autoinganni. Qualcuno le ha attraversate indenne, qualcun altro le ha abitate per un pezzo faticando per trovare la via d’uscita, qualcuno vi soggiorna ancora, come in una prigione ben arredata, convincendosi che è ciò che ha sempre desiderato, incapace di liberarsi di quei fardelli emotivi che ostruiscono le vie di fuga. Bisognerebbe sempre lasciare cadere ciò che vuole cadere perché, come scriveva C.G. Jung nel “Libro Rosso”, “se lo trattenete, vi trascinerà con sé”! Continua a leggere

Ferita Emotiva e Desiderio di Vendetta

12509017_1136973842994509_2174633808588616588_n

Quando si subisce un torto, si è vittima di un’ingiustizia o si diviene oggetto gratuito di offese e recriminazioni, inevitabilmente si sperimentano sentimenti negativi la cui natura è strettamente legata alle caratteristiche personologiche soggettive (con una semplificazione che si spera non appaia semplicistica, si potrebbe affermare che chi tende a far implodere le emozioni negative è più probabile che sperimenti sentimenti di perdita, di inadeguatezza, quando finanche non di colpa; chi invece è più propenso a lasciarle esplodere, è carente di autoregolazione o ha qualche difficoltà nella gestione degli impulsi, molto probabilmente sarà portato a sperimentare sentimenti di rabbia, Continua a leggere

Sofferenza Emotiva. La strategia difensiva del riccio

Annarita Arso Psicologa Brindisi

Il dolore cambia profondamente le persone. Nessuno sarà più lo stesso dopo un lutto, una separazione, un tradimento. Le ferite si possono rimarginare, ma le cicatrici ricorderanno sempre quel che è stato e ciò che non potrà più essere. Tentare di scoraggiare il dolore ignorandolo, serve solo a spostarlo altrove, poiché quando la sofferenza diviene intollerabile, la mente afferisce a difese sempre più rigide e disfunzionali: la negazione, la proiezione, l’identificazione proiettiva sono solo alcune delle tante “etichette” utili al clinico per classificare nient’altro che modalità di sopravvivenza al dolore psicologico, quando questo supera la soglia soggettiva di sopportazione.  Continua a leggere

Dalla Negazione all’Accettazione. Raccontare il Dolore per trasformarlo

12670571_940048972746161_6909418463778485723_n

Quando si subisce una perdita, si diventa ostaggio di stati emotivi angoscianti e travolgenti. L’incredulità si alterna al senso di impotenza, il dolore alla negazione della realtà. Spesso si tende a soffocare questi vissuti, a ignorarli, sperando, in preda ad una sorta di pensiero magico infantile, che improvvisamente scompaiano. Il tentativo di inibirli influisce negativamente sul processo di comprensione e rielaborazione dell’evento doloroso (trauma, lutto, separazione). Prevale la sensazione di aver smarrito anche una parte di se stessi: quella parte di noi intrinsecamente legata a ciò che abbiamo perduto. Si oscilla tra la consapevolezza del cambiamento e l’incapacità di accettarlo: acconsentirvi (ovvero accettare la perdita) significherebbe rivedere il proprio Progetto di Vita, con tutte le aspettative e le speranze ad esso connesse. Continua a leggere