Non Sono Tua

Non Sono Tua

Questa notte il Gianicolo regala uno spettacolo impareggiabile. La luna sembra scalpitare per il desiderio di illuminare amori sconosciuti e di raccontare storie che mescolano sapientemente realtà e immaginazione, leggende e desideri a lungo termine. E ce ne sono alcune di storie che meriterebbero proprio di essere raccontate. Sono lì in un angolo a sgomitare, in attesa che qualcuno le trasformi in parole. Sono quelle che non cercano più il lieto fine, ma gridano giustizia. Sono le storie che raccontano di vite frastagliate che fanno a pugni con la ragione. Sono quelle che obbligano ad alzare muri di silenzio dietro i quali una donna prova disperatamente a Continua a leggere

Non chiamiamoli delitti passionali

Non chiamiamoli delitti passionali

Si chiamava Sara Di Pientrantonio. Aveva tanti cassetti straripanti di sogni come ogni ragazza della sua età. Aveva da poco chiamato la mamma per tranquillizzarla e per farle sapere che presto sarebbe rientrata a casa. Dopo una serata qualunque trascorsa in compagnia di un’amica, con un cocktail in mano e la prossima vacanza da organizzare. In quelle sere in cui ci si racconta senza freni, si ride di gusto, si condividono i progetti e si mescolano i desideri. Forse Sara le avrà raccontato che con l’ex era davvero finita e che un altro uomo era riuscito a frugarle l’anima, stanandole i tormenti e le mareggiate emotive. Una sera come tante, con i fari dell’auto che squarciano il buio della notte e Continua a leggere

La Banalità del Male

04

Basta parlare di “raptus”! Basta usare la collaudata espressione “disturbo mentale” per giustificare stupri, abusi, aggressioni e crimini efferati! Non tutti i criminali sono dei malati e sostenere il contrario serve solo ad offrire su un piatto d’argento una giustificazione credibile alla più incredibile delle violenze, oltre ad alimentare la dilagante disinformazione. Sempre più spesso si ricorre a giustificazioni psicopatologiche solo per ottenere riduzioni di pena nelle aule processuali e per sminuire sia la gravità del fatto che la colpa dell’autore; al contempo si investe sempre meno nelle misure preventive, mentre servirebbe un impegno culturale, politico e Continua a leggere

Io dico Basta!

Annarita Arso Psicologa Brindisis

Il 25 novembre ricorre la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. I dati pubblicati dall’Eures (Istituto di Statistica Europeo) sul tema della violenza perpetrata a danno del sesso femminile, fotografano una realtà agghiacciante: solo nel nostro Paese, lo scorso anno si è registrato un aumento del 13% di femminicidi, oltre la metà dei quali avvenuti all’interno di una relazione “affettiva”; tali dati raccontano un’emergenza sociale che non è più possibile ignorare perché mina alla base i valori imprescindibili su cui una società “civile” degna di tale appellativo, dovrebbe fondarsi. Continua a leggere