La Dodicesima Stanza

intervista_maestro_ezio_bosso_musicista_compositore_768

Confesso di rientrare nella categoria di quelli che durante la settimana del Festival di Sanremo preferiscono guardare per l’ennesima volta la replica di qualche vecchio film sulle reti concorrenti. Ammetto altrettanto candidamente, che come la gran parte di quelli che “iosanremononloguardo”, per eludere il rischio di sentirmi un pesce fuor d’acqua per i giorni successivi, durante gli stacchi pubblicitari cedo alla tentazione di sbirciare su quanto accade sul palco più famoso d’Italia. La valletta straniera, i fiori, le showgirl attempate in prima fila: per la prima serata tutto secondo le previsioni; quest’anno di nuovo di zecca c’erano solo gli zigomi di Gabriel Garko, insufficienti a farmi convertire in una fan del Festival della Canzone Continua a leggere