La Consulenza Psicologica Infantile

La consulenza psicologica infantile

“Salve dottoressa, sono molto preoccupato per mia figlia: da qualche mese presenta dei fastidiosi tic che non riesce a controllare e, come se non bastasse, quando è a disagio o viene interrogata dalla maestra, inizia a balbettare vistosamente. Vorrei tanto che la visitasse, ma so che il suo studio è in centro e non vorrei che qualche conoscente ci vedesse entrare”.

“Visto che mi fido tanto di lei come pediatra, potrebbe indicarmi un logopedista bravo? Come? Sarebbe necessario dapprima individuare l’eziologia del disturbo del linguaggio, per escludere cause psicogene? Guardi dottore, la ringrazio, ma qualunque sia la causa, preferisco Continua a leggere

Il Figlio Imperfetto della Famiglia Perfetta

questa

Vi sono storie familiari che si snodano su binari rettilinei e saldi, percorrono l’itinerario previsto da una mappa socialmente predefinita e giungono in perfetto orario nelle stazioni precostituite del fidanzamento, del matrimonio, della prima gravidanza. Storie che appagano le più inverosimili fantasie sulla famiglia ideale, perché non hanno mai attraversato una crisi, mai dovuto affrontare un’avversità, un deragliamento, un ritardo, una falsa partenza; esistenze che si sviluppano attraverso narrazioni a prima vista idilliache e invidiabili; rassicuranti nella loro rigida prevedibilità e riconoscibili nell’anonimato delle loro vicissitudini interne;  Continua a leggere

Il Bambino Arrabbiato

Ci chiedono di non provare rabbia invece di insegnarci che la rabbia è un’emozione come un’altra. Ci dicono che è sbagliato lasciarla esplodere ma non ci aiutano a contenerla. Ci suggeriscono di non lasciarla covare dentro perché ci procura il mal di pancia o ci impedisce di concentrarci a scuola quando la maestra ci chiede di ricopiare la sua lezione dalla lavagna, ma non ci spiegano come fare a non inibirla. Ci dicono che è la rabbia è sbagliata, così come è sbagliato lasciarla implodere o esplodere, ma non ci insegnano a GESTIRLA. Non ci dicono che la rabbia si può raccontare, che la si può contenere, che è possibile metterle un limite; che il limite necessita di un supporto esterno e che gli adulti devono aiutarci a rispettarne i confini. E allora accumuliamo rancori, censuriamo le frasi Continua a leggere