Subìre un Tradimento

13240083_577366489107828_4096173319741128368_n

Chi scopre di essere stato tradito dalla persona amata ha l’amara sensazione di aver smarrito il velo dorato attraverso il quale aveva fino ad allora guardato alla vita di coppia. E’ come se improvvisamente scoprisse che l’amore altro non è, come dice il sociologo Bauman ne “L’amore liquido”, “un prestito ipotecario fatto su un futuro incerto e imperscrutabileFinché dura, l’amore è in bilico sull’orlo della sconfitta. Man mano che avanza dissolve il proprio passato; non si lascia alle spalle trincee fortificate in cui potersi ritrarre e cercare rifugio in caso di guai. E non sa cosa lo attende e cosa può serbargli il futuro. Non acquisterà mai fiducia sufficiente a disperdere le nubi e debellare l’ansia“.

Le conseguenze psicologiche di chi subisce un tradimento

Subire un tradimento obbliga a fare i conti con l’unica verità inconfutabile di ogni rapporto di coppia: l’inconoscibilità dell’altro! Tale disvelamento può rappresentare nel mondo emotivo di chi deve improvvisamente fronteggiarlo, un terremoto di vastissime proporzioni. Si ha la sensazione di essere inghiottiti dalle sabbie mobili e di trascinare con se la stabilità, la sicurezza, la fiducia di cui era stato investito il rapporto di coppia. Senza alcuna possibilità di salvezza. In alcune persone tradite si registra addirittura l’insorgenza di disturbi d’ansia generalizzata, quando non anche di un vero e proprio disturbo post traumatico da stress. In coloro che bramano la ricerca bulimica di dettagli con l’intento illusorio di mettere a tacere la propria rabbia, si possono evidenziare anche quadri ossessivo/compulsivi. La ferita narcisistica può produrre effetti negativi anche sul tono dell’umore e mettere a dura prova l’autostima. Il dolore si confonde con la rabbia, la delusione delle aspettative si mescola con il desiderio di vendetta, la tristezza si sovrappone al risentimento, la vergogna alla gelosia. Il dolore del tradimento subito non può essere elaborato e superato, se prima non viene accettato. Più sono rigide e inflessibili le difese mobilitate per difendersene, più elevata è la probabilità di spalancare le porte a sintomi nevrotici.
Apparirà strano, ma il dolore di chi scopre un tradimento da parte della persona amata, ha molte similitudini con quello di chi ha subito il lutto di una persona cara. Anche il tradimento impone la necessità di elaborare una perdita e l’oggetto di tale perdita è estremamente complesso: riguarda il “senso del Noi” antecedente all’evento (solido, forte, resistente alle tentazioni sessuali), la rappresentazione mentale che si aveva del partner (quella di una persona fedele che non sarebbe mai stato capace di ferire) e la percezione di se stessi (c’è chi mette in discussione la capacità di essere ancora desiderabile o si attribuisce tutte le responsabilità del tradimento dell’altro).

La rottura del Contratto di Coppia

La scoperta di un tradimento rappresenta uno spartiacque nella storia della coppia, nel modo di percepire la persona amata e in quello di percepire se stessi. Impone la revisione del Progetto di Vita e quella del Contratto di Coppia  perchè introduce una variabile che non sarà più possibile ignorare. Si ha la sensazione che le promesse, i ricordi, i programmi si frantumino in pezzettini talmente minuscoli da non poter più essere rimessi insieme in una configurazione rassicurante. La disistima, la sfiducia, l’insicurezza, la gelosia prendono il sopravvento. L’altro smette improvvisamente di essere il porto sicuro in cui rifugiarsi con le proprie insicurezze e nel quale è possibile credere in qualcosa. Quando si scopre un tradimento si ha la sensazione di trovarsi forzatamente dinanzi a un bivio: dentro o fuori, restare o andare, accettare o vendicarsi. Andare per capire rischiando di collezionare nuove domande o restare nella speranza di ottenere le risposte di cui si ha bisogno. Ci si ritrova ad operare scelte imposte da altri e questo dà la sensazione di dover pagare una tassa aggiuntiva sul dolore che è stato ingiustamente inferto. Talvolta, più che il tradimento sessuale, è il sentimento di delusione derivante dalla sua scoperta il nemico più spaventoso da affrontare. Ci si interroga se la delusione non sia nient’altro che il frutto di un errore di valutazione: aver confuso una possibilità per una certezza. Ci si sente in bilico tra la tentazione di spingere il rapporto in fondo al baratro e l’euforia di poterlo far risorgere più forte e solido di prima.

Se il tradimento destabilizza, è perché qualcosa si ricrei

Ne “Il gioco delle passioni” Aldo Carotenuto scrive che “quando si subisce un tradimento, può risultare molto difficile reagire: la rottura dell’equilibrio vissuto sino a quel momento risulta destabilizzante e annichilente. Essere traditi dalla persona che amiamo implica la perdita dei nostri punti di riferimento e il dolore e l’umiliazione che proviamo mettono a nudo la nostra anima rendendola vulnerabile e fragile come mai prima era stata. L’esperienza del tradimento e del lutto può però svolgere una funzione trasformativa, se riusciamo a elaborarne il vissuto. Se il tradimento destabilizza, è perché qualcosa si ricrei. Tale funzione trasformativa non passa necessariamente attraverso la decisione di non interrompere il rapporto: anche in chi decide di concludere la relazione, il senso di perdita può svolgere una funzione costruttiva; come scrive ancora Carotenuto “il sentimento di perdita rappresenta le fondamenta, più solide e affidabili perché ormai ben esplorate, su cui edificheremo una nuova esistenza che custodirà in sé tutto il nostro passato“. Chi subisce un tradimento ha l’oneroso compito di capire se vi sono le condizioni per intraprendere il percorso di reinterpretazione del rapporto di coppia alla luce del tradimento, circoscrivendolo ad una fase specifica del ciclo di vita della coppia, attribuendo ad esso un significato e rintracciando il proprio contributo nella dinamica relazionale che ha condotto alla crisi. Un compito che richiede la partecipazione attiva di entrambi i partner, perchè il tradimento è sempre l’esito di una crisi antecedente, non la sua causa! Un processo complesso e doloroso, ma percorribile! Perché, scomodando ancora Bauman, è possibile “amarsi e rimanere insieme tutta la vita. Un tempo, qualche generazione fa, era la norma. Oggi invece è diventato una rarità, una scelta invidiabile o folle, a seconda dei punti di vista“.

Annunci

2 pensieri su “Subìre un Tradimento

  1. “Subire un tradimento obbliga a fare i conti con l’unica verità inconfutabile di ogni rapporto di coppia: l’inconoscibilità dell’altro! Tale disvelamento può rappresentare nel mondo emotivo di chi deve improvvisamente fronteggiarlo, un terremoto di vastissime proporzioni. Si ha la sensazione di essere inghiottiti dalle sabbie mobili e di trascinare con se la stabilità, la sicurezza, la fiducia di cui era stato investito il rapporto di coppia. Senza alcuna possibilità di salvezza.”

    Assolutamente vero… sperimentato sulla mia stessa pelle…

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...