La Depressione come una Donna in Nero

Psiche Nessuno e Centomila

Sulla depressione, sui suoi sintomi e sulle cause multifattoriali, sono state scritte pagine voluminose. Oramai possediamo strumenti adeguati per diagnosticarla e disponiamo di Manuali straripanti di criteri diagnostici per differenziarla. Sullo sfondo, la necessità di avviare una battaglia culturale che sposti il fulcro della questione dalla depressione come problema alla depressione come possibilità. Un invito alla riflessione affinché, piuttosto che distribuire farmaci per contenerla provando a risanare il meccanismo biochimico inceppato, la nostra società impari a prestare attenzione alle parole strozzate dal silenzio. Quel silenzio che quando diviene fin troppo logorroico Continua a leggere

Annunci

Oltre il 25 Novembre

Psiche Nessuno e Centomila

Ci risiamo. In occasione della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, la Rete pullula di post inneggianti il rispetto della figura femminile e il ruolo strategico ricoperto dalla donna nella Storia. Si moltiplicano le pubblicazioni di biografie di menti femminili che hanno inciso in modo considerevole nel mondo della Medicina, della Letteratura, della Scienza e di volti che sono stati insigniti di ambìti Premi nel campo dell’Arte, del Cinema, della Moda. Si intensificano dentro e fuori il Web iniziative di sensibilizzazione sul tema, si organizzano eventi mirati nelle scuole e nelle piazze, si decorano finestre e portoni con enormi fiocchi rossi e si inaugurano da Nord a Sud Continua a leggere

The Place

the-place-12

Se in Perfetti Sconosciuti Paolo Genovese ha provato a immaginare cosa accadrebbe se incautamente si mescolassero la vita privata, quella pubblica e quella segreta, lasciando cadere le maschere e svelando i volti sottostanti di chi ci circonda, nella sua ultima pellicola ha invece puntato i riflettori sui Centomila estranei che albergano dentro di noi. The Place, uscito pochi giorni fa nelle sale italiane, non è un film che tiene incollati alla poltrona, perchè incerti se immedesimarsi nella vita dei personaggi che sfilano sullo schermo o se fingersi diversi e andare a letto abbracciati alla rassicurante convinzione di essere migliori. Indecisi se calarsi in quella sorta di girone dantesco Continua a leggere

La Sedia Vuota

Psiche Nessuno e Centomila

Si dice che il tempo guarisca molte cose e invece credo che in alcuni casi amplifichi solo il rumore di certe assenze. La sedia vuota, il letto composto, l’armadio libero. Da quando non ci sei più ho a disposizione più spazio per tenere le cose in ordine e molti più pensieri confusi e in cerca di una loro collocazione. Ho nuove paure e vecchi rancori. Rimorsi più famelici e rimpianti più discreti. C’è soprattutto una cosa che non riesco più a tollerare dal giorno in cui te ne sei andato: la consapevolezza che non sentirò più il suono della tua voce. E sembra assurdo se solo ripenso a tutte le volte che l’hai usata per dare forma alla tua frustrazione e ferirmi come se non ne potessi fare a Continua a leggere

La Triangolazione Familiare

Psiche Nessuno e Centomila

Vi sono relazioni complesse, intricate, alimentate da giochi relazionali “perversi”. Incastri di coppia disfunzionali, talvolta poggianti sui reciproci bisogni di riversare sull’altro le frustrazioni di un legame che non si ha il coraggio di recidere. Si sta insieme perché l’uso strumentale dell’Altro è funzionale a confermare qualche aspettativa negativa su se stessi o sulla relazione.
In sistemi familiari germogliati da radici così malandate accade che un figlio possa, suo malgrado, diventare la longa manus di uno dei due genitori. Nascono così pericolosi sottosistemi e si creano subdoli giochi di alleanze alimentate da dinamiche relazionali Continua a leggere

Stupri e Sciacallaggio Mediatico

stupri mediatix 3

Era solita camminare a passi lenti, con lo sguardo rivolto verso il basso. Quando era costretta a rispondere alle domande di qualcuno, faticava a mantenere il contatto oculare e tendeva ad abbassare le spalle, come se volesse ripiegarsi su se stessa e sottrarsi al mondo che la osservava. Quando la conobbi io ero molto giovane, laureata da pochi anni, con pochissima esperienza clinica alle spalle e ancora in formazione. Dopo un paio di settimane di osservazione, il mio tutor mi comunicò che era giunto il tempo di conoscere la sua storia e mi mise tra le mani un voluminosissimo faldone faticosamente richiuso con un logoro elastico. Mi ci vollero un paio di giorni per Continua a leggere

Elogio della Fragilità

Elogio della Fragilità

Fragilità è una parola ricoperta di sospetto che a volte desta preoccupazione, altre paura, altre ancora vergogna. E’ un contenitore di lacrime trattenute e bisogni soffocati. Nel setting clinico spesso si fa fatica a stanarla e a convincerla che c’è un posto d’onore a lei riservato perchè teme di essere confusa con la più volgare debolezza. Non di rado chi vive un dolore intenso o sta combattendo una battaglia di vita particolarmente impegnativa, teme di deludere chi lo circonda, ha paura di non apparire abbastanza “forte” agli occhi di chi lo stima. E’ in fondo spaventato dalla sensazione di scoprirsi diverso da quello che credeva. “È la vita di ciascuno di noi, Continua a leggere

Attaccamento e separazione

Psiche Nessuno e Centomila

L’accudimento che ciascun bambino riceve dai propri genitori rappresenta il substrato delle sue competenze emotive, relazionali, sociali e addirittura genitoriali (in quanto influenzerà in modo significativo anche la qualità delle relazioni con i suoi figli, quando a sua volta diverrà genitore). Di pari importanza alle cure materiali, pertanto, risultano quelle di natura emotiva. Affinché un bambino possa sviluppare un buon concetto di Sé, in quanto individuo ricco di valore e degno di amore, è necessario che il genitore comunichi con lui in modo efficace, incoraggi il contatto sociale, gli insegni a gestire le frustrazioni e si sintonizzi sui suoi bisogni emotivi. Se il modo di relazionarsi al figlio Continua a leggere

Una ragazza bugiarda – Recensione

Una-ragazza-bugiarda (2)

Una nuova famiglia, una nuova casa, una nuova scuola, una nuova vita. Anche un nuovo nome, neppure lui sufficiente a tenere Annie lontana dal proprio passato e dall’inferno in cui è cresciuta. Perché se l’inferno l’hai visto da vicino, anche se corri lontano, ti resta sulla pelle, proprio come le cicatrici dei tagli sul corpo che Annie si infligge per sottrarsi al dolore dell’anima. “Una ragazza bugiarda” della scrittrice inglese Ali Land è un thriller psicologico che con passo felpato si insinua nella mente del lettore e lo trasporta in quella gelida e intricata della sua protagonista.
Ha solo 15 anni Annie e ha appena denunciato la madre, “la serial killer di Peter Pan” Continua a leggere

Chiudersi a riccio per paura

Psiche Nessuno e Centomila

Una delle cose più difficili da riconoscere a se stessi è il proprio stato di infelicità. Si cede facilmente alla tentazione di imbavagliarlo, di nasconderlo dietro un sorriso di circostanza, di barattarlo con la prima distrazione a portata di mano. Lasciarlo libero di manifestarsi farebbe cadere ogni difesa e invece si preferisce preservare le corazze perchè non passano mai di moda e si abbinano a tutti i colori dell’umore.
E’ faticoso dirsi infelici perchè obbliga a cercare una soluzione e non sempre si ha tempo a disposizione o voglia di rassettare le stanze interiori. E poi quella faccenda tanto in voga del guardarsi dentro è un atto che implica molto coraggio, una buona Continua a leggere